Fitness tracker: cos’è e a cosa serve

Hai mai sentito parlare di fitness tracker? Si tratta di un dispositivo elettronico utile per monitorare il proprio stato di salute in qualsiasi momento della giornata.

Inizialmente utilizzato principalmente dagli sportivi, è diventato sempre più amato anche da chi, pur non praticando sport a livello agonistico, vuole comunque tenere sotto controllo il proprio benessere fisico.

Cos’è il fitness tracker

Il fitness tracker (conosciuto anche con il nome di braccialetto per il fitness, smartband o activity tracker) è un braccialetto polsiera che serve per monitorare in tempo reale i movimenti giornalieri.

Questi ultimi vengono registrati dal dispositivo e, tramite il collegamento Bluetooth o NFC, sono mostrati sul display dello smartphone o del tablet, generalmente mediante una apposita app da scaricare legata al modello acquistato.

A cosa serve

Lo scopo di questo braccialetto è quello di fornire un supporto costante alla propria attività fisica e sportiva, oltre che più in generale fungere da specchio della nostra salute. Questo dispositivo permette di avere una vita più sana senza dover spendere ogni mese molti soldi nell’abbonamento della palestra.

La sua utilità è stata, del resto, anche confermata dalla scienza. Una recente ricerca americana ha evidenziato l’utilità di questo oggetto nell’attività di screening e rilevamento di una condizione cardiaca comune, la fibrillazione atriale.

Come funziona

Il fitness tracker si stringe al polso come un normale orologio, grazie al cinturino integrato, ed è dotato di batteria propria. Questo dispositivo presenta poi un display di dimensione variabile (quadrato, rotondo o rettangolare) che mostra tutte le informazioni relative ai propri movimenti sul dispositivo mobile a cui è stato collegato.

Lo schermo del braccialetto per il fitness può essere a LED, AMOLED oppure OLED. La durata dell’autonomia è variabile a seconda della batteria integrata dal dispositivo, anche se, in generale, una volta ricaricato lo smartband ha circa 30 giorni di autonomia.

Tipologie

Sul mercato esistono tantissime tipologie di smartband, che variano a seconda delle funzionalità, dell’estetica e, ovviamente, del costo.

I modelli base, oltre alle informazioni relative alla propria attività, sono anche in grado di mostrare i progressi fatti, la distanza percorsa e le calorie bruciate.

Tutti i modelli di braccialetto per il fitness, a partire da quelli più semplici, hanno anche un orologio integrato, ed alcuni addirittura il GPS.

I dispositivi più moderni e sofisticati sono dotati anche di una sveglia e di una memoria interna per salvare le proprie canzoni preferite per poterle ascoltare mentre ci si allena. Alcuni mostrano persino le notifiche di messaggi e chiamate, oltre ad avere un microfono incorporato per rispondere e fare le chiamate senza usare lo smartphone.

Dal punto di vista estetico, i modelli variano da quelli più sportivi a quelli più eleganti, ma tutti sono belli da vedere e possono essere indossati in qualsiasi contesto, dalla passeggiata all’ufficio.

Costo

Il prezzo di uno smartband varia a seconda del modello scelto, delle funzionalità che possiede e del materiale con cui è stato realizzato.

In linea generale, comunque, quelli più basici costano poche decine di euro, mentre i modelli dalle funzioni più avanzate e dal design più sofisticato possono arrivare anche ad alcune centinaia di euro.

Sara